ALL-STAR WEEKEND 2015 - I partecipanti allo Skills Challenge

La Lega ha diramato la lista dei giocatori che animeranno il Taco Bells Skills Challenge 2015, secondo evento in programma Sabato 14 Febbraio. Istituita nel 2003, questa prova ha raccolto man mano sempre più credito tra giocatori, tifosi ed addetti ai lavori, richiedendo ai protagonisti, a differenza delle altre sfide in programma il sabato dell’All-Star Weekend, un mix di abilità per prevalere, dai passaggi ai palleggi, fino al centrare i bersagli con il pallone. Passiamo alla lista dei partecipanti, in base alle regole modificate dalla Lega lo scorso anno, passando dalla sfida individuale a quella a coppie: Isaiah Thomas (Phoenix Suns) e John Wall (Washington Wizards); Michael Carter-Williams (Philadelphia 76ers) e Jeff Teague (Atlanta Hawks); Trey Burke (Utah Jazz) e Brandon Knight (Milwaukee Bucks); Jimmy Butler (Chicago Bulls) e Kyle Lowry (Toronto Raptors).

 

Il tabellone del Taco Bells Skills Challenge 2015 (foto da: bleacherreport.com)
Il tabellone del Taco Bells Skills Challenge 2015 (foto da: bleacherreport.com)

 

 

Per quanto riguarda le regole, i giocatori si muovono in percorso ad ostacoli da completare nel minor tempo possibile, compiendo varie evoluzioni con il pallone. Al termine del primo turno, le due squadre con i migliori tempi passano alla fase finale nella quale, ovviamente, quella che completerà il percorso con il tempo più basso verrà dichiarata vincitrice. I campioni in carica sono la coppia formata da Lillard (Blazers) e Burke (Jazz). Lo stesso #0 di Rip City, insieme con Nash (2005, 2010) e Wade (2006-07), detiene il primato di successi in questa sfida, avendola vinta anche nel 2013. La prima edizione, quella del 2003, invece, vide trionfare Jason Kidd.

Commenta
(Visited 14 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.