ATTENTI A QUEI DUE: Allen Iverson & Dikembe Mutombo, "Remember Philadelphia"

iv mutUn ragazzo di Kinshasa, Repubblica Democratica del Congo. Un bambino piuttosto alto, che fugge dalla miseria che gli morde i talloni. Vuole fare il medico per aiutare la sua famiglia, e si iscrive a Georgetown, università cattolica retta da gesuiti. Dikembe Mutombo, però, non parla una parola di inglese e dovrà seguire dei corsi privati. Si è accorto di lui coach Thompson, che vede nei suoi 218 centimetri un potenziale campione . Dikembe non sa molto del gioco, ma gli piace un africano come lui, Hakeem Olajuwon, che si dice essere uno degli astri nascenti del basket mondiale. E’ molto legato alla sua terra, e molto intelligente e sopperisce a dei limiti tecnici con una straordinaria conoscenza del gioco. Nel Draft del 1991 viene scelto come quarta scelta assoluta da Denver. Il ragazzo sa che ce l’ha fatta, i libri di medicina resteranno per lui solo una grande passione. Sa da dove viene, ma soprattutto sa dove vuole arrivare. La metafora perfetta della sua carriera ma soprattutto della sua vita è il primo turno dei playoff 1993-94. Gli strafavoriti Seattle Supersonics di Kemp e Payton, miglior record NBA, escono contro la sua Denver, qualificatasi come numero 8 a poche giornate dalla fine. Celebre la sua frase “Not in my house!” dopo che manda in Canada un potenziale lay up di un avversario. Cosa che succederà piuttosto spesso nella sua carriera, visto che chiuderà come secondo miglior stoppatore della storia dietro soltanto al suo idolo “The Dream” Olajuwon. E’ storica l’immagine alla fine della serie in cui Mutombo si accascia a terra e piange di gioia. Gli è sempre piaciuto essere sottovalutato, partire dal basso, sovvertire gli schemi. Ma ora non si accontenta più, vuole vincere. Dopo aver lasciato Denver ed aver mancato l’impresa anche ad Atlanta, viene notato da Larry Brown, suo allenatore all’All Star Game 2000, impressionato dalla sua voglia di vincere anche una partita a sfondo puramente estetico. Nei Philadelphia 76ers di Brown gioca un’altro giocatore niente male. Allen Iverson non è mai stato una Star NBA come le altre. Nasce in Virginia da una mamma 15enne in seguito ad un rapporto occasionale con un padre che non sarà mai presente nella sua infanzia. Il compagno della mamma ha problemi con la droga e viene presto condannato per omicidio, la famiglia è poverissima e spesso la madre deve scegliere se pagare la luce o dare da mangiare ai suoi figli. Allen passa tutto il giorno per strada, giocando a football, la sua vera passione. Considera il basket un gioco da signorine, e sarà proprio la mamma, vedendo il suo talento smisurato, a convincerlo a non lasciarlo. Va male a scuola, salta gli allenamenti, vive per strada ed ha problemi a relazionarsi con la gente. Sceglie il liceo di Bethel, che gli permette di praticare entrambi gli sport, in cui stravince continuamente. Al momento di scegliere, anche per il rispetto e la gratitudine che nutre verso la madre, e per nostra fortuna, sceglie la palla a spicchi. Ma a 16 anni, proprio quando sta per esplodere, viene coinvolto in una rissa a sfondo razziale, e viene condannato per 5 anni di reclusione, che diventeranno 5 mesi per pressioni della comunità nera sul governatore della E’ lì che affina se possibile ancora di più le sue doti da leader e gli viene messo lo storico soprannome “The Answer“. All’Università tutti sanno del suo passato dietro le sbarre e del suo caratteraccio. Lo prende sotto la sua ala protettiva proprio Coach Thompson, lo stesso che disse a Mutombo di lasciare medicina. E’ lui il grande protagonista di questa bella storia. Quella di Iverson è un’ascesa preannunciata e inarrestabile. E’ prima scelta assoluta nel draft 1996, ritenuto il migliore di sempre con gente come Bryant, Nash, Ray Allen e tanti futuri all star. Vince ogni tipo di riconoscimento personale, ma lo frustra terribilmente il non riuscire a lottare per vincere. E’ qui che la sua personalità, il suo rapporto di amore-odio con Larry Brown e la sua influenza sui 76ers lo spingono a chiedere l’arrivo di Mutombo. Il sodalizio tra i due è perfetto. Vengono da culture completamente diverse, hanno caratteri opposti, ma hanno vissuto guai simili. Sono fuggiti dalla povertà, hanno ribaltato le gerarchie sociali ed hanno una tremenda voglia di vincere. Iverson è un anarchico serial killer che trasforma in punti ogni pallone che gli passa tra le mani. Mutombo è una guardia pretoriana che protegge ferro e compagni senza fare prigionieri. La stagione 2000/2001 è la più bella di tutte. Iverson è MVP della lega e Mutombo è miglior difensore NBA. Spazzano via Pacers, Raptors e Bucks e in finale sfidano gli strafavoriti Los Angeles Lakers. Tutti pensano in uno “sweep”, letteralmente spazzare via qualcosa con una scopa. Ma gara 1 allo Staples Center entra dritta nella storia. Dopo 46 punti e un overtime, Iverson ubriaca con un crossover Tyronn Lue, scuote la retina, zittisce tutta la California e gli passa letteralmente sopra. Al rientro negli spogliatoi si impossessa del microfono di un giornalista e dice a tutti “mettete via le scope!”. Lo aveva sognato da tanto quel momento, da quando giocava senza maglietta e con le scarpe rotte nei playground della Virginia. E la sua stella ha cominciato a brillare nel palcoscenico perfetto, sotto le colline di Hollywood. Mutombo gioca una partita eroica, ma per un’antica legge Western in cui “quando un uomo con la pistola incontra un uomo col fucile, l’uomo con la pistola è un uomo morto” viene sovrastato dallo Shaquille O’Neal migliore di sempre. I Lakers ribaltano lo 0-1 e vincono il titolo in 5 partite ma niente cancellerà mai la magia di quei 76ers. Era dai tempi di Chamberlain che la città non era così coinvolta. Addirittura prima di gara 4, durante il concerto degli U2, nel bel mezzo di “Sunday Bloody Sunday” Bono Vox è stato costretto da un pubblico incandescente ad intonare “.!Beat L.A
Larry Brown aveva aderito perfettamente allo spirito liberale della città (Philadelphia, nel ‘700, era l’unica città che durante l’impero Inglese celebrava le messe cattoliche) e faceva giocare anche 5 guardie contemporaneamente. Celebre la dichiarazione di Iverson su di lui: “Ci odiamo, non ci sopportiamo, eppure non potremmo fare l’uno a meno dell’altro”. Ma come tutte le storie più romantiche e drammatiche, dopo aver raggiunto o sfiorato l’apice arriva il declino inesorabile. La “caduta libera in cerca di uno schianto” di cui parlano i Subsonica è la metafora perfetta di quei 76ers. La squadra, con aspettative altissime di pubblico e stampa, non regge la pressione e va fuori presto. Viene ceduto Mutombo e Larry Brown dice pubblicamente che Iverson non si allena e Allen risponde con una conferenza stampa storica in cui ripete 20 volte la parola “practice”, dicendo che lui si impegna quando conta, in partita, e che i compagni sono con lui. Brown si sente defraudato e lascia la franchigia. “The Answer” lascia ancora strascichi del suo talento infinito, rivincendo nel 2005 per la quarta volta il titolo di capocannoniere e per la seconda volta il titolo di MVP dell’All Star Game, e regalandosi il suo career high di 60 punti contro i Magic. Inizia il declino inesorabile di Iverson che va prima a Denver, poi a Detroit, poi a Memphis fino a tentare un romantico ma futile ritorno a Philadelphia, l’unica città che lo ha veramente amato per quello che era e in cui ha scritto col pennarello indelebile del suo talento le pagine più belle della sua carriera. Mutombo invece continua a girare il mondo con la sua grande ossessione per l’anello. Nel 2003 sfiora ancora il titolo ai New Jersey Nets, vedendosela con dei San Antonio Spurs ed un Tim Duncan stellari in finale. Va a New York, e realizza il sogno di giocare in quel Madison Square Garden che sognava quando era a Kinshasa, ma non lascia troppo il segno. Viene ingaggiato da Houston per fare da chioccia ad un astro nascente nel panorama dei centri NBA, Yao Ming. Il cinese però si fa male spesso e Mutombo, il “vecchio leone africano” (come veniva chiamato dalla stampa Texana) si ritaglia il suo spazio e straccia record su record giocando da protagonista a 42 anni. Solo un infortunio al ginocchio lo obbliga al ritiro. Durante la sua carriera e anche dopo il ritiro Dikembe è sempre stato molto attivo nei progetti umanitari a favore della sua amata Africa, tanto da fondare numerose fondazioni e ospedali. Mutombo nei suoi viaggi ha imparato varie lingue e tutt’ora sa parlare 7 lingue fluentemente( eh si, è lo stesso che non sapeva una parola d’inglese quando andò a Georgetown) . E’ molto attivo anche nei progetti di adozione e assieme alla compagna Rose hanno adottato 4 dei loro 6 figli. Aveva una testa programmata per individuare dei limiti e superarli, e il fatto che qualcuno gli dicesse che non poteva lo rendeva inarrestabile. Un pò come Allen, l’antieroe per eccellenza che dopo aver distrutto i Lakers in gara 1 delle Finals NBA, stuzzicato dai giornalisti con i vari paragoni alle stelle del passato, disse: “Io non voglio essere Jordan, non voglio essere Magic, non voglio essere Bird o Isiah. Quando la mia carriera sarà finita mi guarderò allo specchio e dirò che ho fatto a modo mio“. Erano fatti per stare insieme quei due. Era scritto nel libro del destino. E Coach Thompson ci aveva sicuramente sbirciato.

Commenta
(Visited 367 times, 1 visits today)

About The Author

Teo Potenza 23 anni, studente di Lingue e letterature moderne presso l'Università degli studi della Basilicata. Aspirante storyteller cresciuto nel mito di Federico Buffa. Fede nerazzurra e neroargento. Mentori Mourinho e Popovich. Idoli Bryant e Ginobili. Tutto il resto è Wilt Chamberlain.