BOSTON CELTICS - Rajon Rondo "Amo essere un Celtic"

Rajon Rondo, durante l'ultimo match giocato contro Indiana (foto da: sport.err.ee)
Rajon Rondo, durante l’ultimo match giocato contro Indiana (foto da: sport.err.ee)

“Dovrebbe rimanere, penso che questo è il posto giusto per lui. Lui secondo me vuole rimanere. Se fossi in lui, resterei.” Queste le dichiarazioni di Kendrick Perkins prima della vittoria dei suoi Thunder proprio contro i Boston Celtics per 109-94. Il riferimento è chiaro, le parole sono tutte indirizzate a Rajon Rondo, che subito dopo il match risponde alle parole del suo ex compagno di squadra: “E’ abbastanza chiaro”, ha replicato. “Fin dal media day di inizio stagione , è quello che ho sempre affermato. Indipendentemente da come va la stagione, il mio punto di vista è sempre lo stesso. Amo essere un Celtic.”

Contro i Thunder, Rondo ha registrato 20 punti, 12 assist ( di cui 9 nel solo primo tempo ) e 9 rimbalzi, incrementando così la sua media punti stagionale passata a 10.8 punti, 11.3 assist e 8.2 rimbalzi. Dopo questa stagione, diventerà free agent e ha dichiarato recentemente di voler valutare le proposte del mercato. Ma ha anche aggiunto che gli piace considerare Boston come una casa in cui restare a lungo.
“Si,” ha detto in conferenza riguardo ciò. ” I tifosi, la gente qui, fa si che voglia restare. L’organizzazione è stata eccellente. Non posso dire nulla sulla conduzione del presidente (Danny Ainge) e sul co-proprietario (Wyc Grousbeck). Quando cammino per strada, i tifosi mi abbracciano. Dal primo giorno, a quando abbiamo vinto il campionato, non fa che apprezzarci per la vittoria. E’ più di un ringraziamento, è l’amore per il gioco. Queste persone qui conoscono il gioco, sanno quando dai tutto e quando invece ti dai per vinto.
“L’amore che ricevo qui a Boston è travolgente. Perché avrei voglia di rimanere qui?”

Fonte: Masslive.com

Commenta
(Visited 18 times, 1 visits today)

About The Author

Francesco Esposito Nato nel 1995, cestista da circa una decina di anni. Studente di scienze aeronautiche alla Parthenope di Napoli; appassionato di sport americani, su tutti l'NBA, e non solo.