Cavaliers, Kendrick Perkins: "Farebbero tutti meglio a non mettersi contro di me"

Ci ha pensato Kendrick Perkins – a poche ore da gara-3 tra Cleveland Cavaliers e Golden State Warriors – ad accendere ulteriormente gli animi in seguito alla querelle registrata nell’episodio precedente della serie con Stephen Curry.

L’enforcer dei Cleveland Cavaliers è tornato a parlare dell’accaduto al Boston Globe dichiarando quanto segue:

«Non so perché le persone continuino a scegliere il soggetto sbagliato con cui discutere. Potrebbero scegliere più saggiamente ed invece finiscono col prendersela con me. Non penso di essere la grana che cercano, farebbero meglio a sfidare qualcun altro. Sull’episodio con Curry? Semplice, io ero seduto in panchina e lui è atterrato sulla mia gamba. Mi ha detto qualcosa del tipo: “Che fai?” ed io gli ho risposto che ero semplicemente seduto al mio posto»

Commenta
(Visited 169 times, 1 visits today)

About The Author

Carmine Lione Carmine Lione è uno scrittore e giornalista freelance, laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Attualmente iscritto al Corso di Laurea in “Lingue e Culture Straniere” presso l'Ateneo di cui sopra, ha collaborato con varie testate giornalistiche, tra cui zerottonove.it. Ha ricoperto l'incarico di Capo Addetto Stampa della società cestistica Polisportiva Battipagliese ed attualmente presta la sua voce per le telecronache del Basket Bellizzi in onda su LiraTv e del Salernum Baronissi per l'emittente SeiTv. Per quanto concerne la scrittura, nel corso della sua esperienza artistica, ha pubblicato due opere: “Tempi Moderni”, raccolta di racconti edita dalla casa editrice Gruppo Albatros Il Filo e “Luce al neon”, primo romanzo autopubblicato.