Cavaliers, Mobley dopo il successo sui Pistons: "Ognuno ha svolto il proprio compito"

Nella notte NBA è andata in scena la sfida fra i Cleveland Cavaliers e i Detroit Pistons, con i primi che si sono imposti nettamente per 98-78.

In campo sono scesi due dei prospetti più interessanti usciti dall’ultimo draft: Cade Cunningham, prima scelta assoluta ed esterno di Detroit, e Evan Mobley, lungo selezionato con la terza chiamata da Cleveland.  Quest’ultimo ha disputato una prova eccellente da 16 punti, 3 stoppate e 7 rimbalzi: “Ci siamo concentrati ognuno sui propri compiti da svolgere in campo, è tutto ciò che possiamo fare” – ha detto Mobley nel post partita – “Abbiamo fatto un eccellente lavoro nel proteggere il ferro e contestare i loro tiratori, per questo abbiamo concesso pochi punti ai nostri avversari e portato a casa una vittoria importante”.

Un altro protagonista della sfida è stato Darius Garland, che ha eguagliato il suo season-high di 21 punti e distribuito 7 assist. Mobley ha elogiato il compagno: “Lui è un leader e un ottimo playmaker, ci aiuta a giocare meglio quando è in campo”.

Con i 7 rimbalzi catturati, il giovane lungo nativo di San Diego è diventato il rookie più veloce di sempre nella storia dei Cavaliers a superare il traguardo delle 100 carambole catturate in carriera: “È un cosa molto emozionante, ne vado orgoglioso. Sto cercando di fare del mio meglio e il mio lavoro sta dando i suoi frutti” ha commentato a riguardo.

I Cavaliers sono stati una delle squadre più sorprendenti di questo avvio di stagione: nonostante l’infortunio di un elemento importante come Collin Sexton, sono attualmente quarti ad est con un record di 8 vittorie e 5 sconfitte. La franchigia dell’Ohio tornerà in campo stanotte contro i Boston Celtics, che affronterà nuovamente anche martedì sempre alla Rocket Mortgage FieldHouse di Cleveland.

Commenta
(Visited 14 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.