Chris Paul: "Prima di tornare a giocare noi giocatori abbiamo bisogno di alcune settimane di allenamenti"

In NBA è ancora assolutamente in alto mare la discussione sul se e quando la stagione 2019/20 potrà riprendere. Come detto più volte dal Commissioner Adam Silver, prima di avere un quadro meno nebuloso della situazione bisognerà attendere il mese di maggio.

Quello che i giocatori vogliono evitare è il tornare in campo senza un periodo di allenamento adeguato alle spalle. A mettere le cose in chiaro ci pensa Chris Paul, attuale presidente della NBPA, l’associazione giocatori: “Tutti noi vogliamo tornare in campo ma, dovesse succedere che la Lega arrivasse all’improvviso e dicesse ‘Ehi ragazzi, tra due settimane si riprende a giocare’, noi non saremmo per niente d’accordo“.

Qualunque sarà il tempo che ci verrà dato per allenarci, alla fine saremo noi giocatori a dare l’ok, noi decideremo quando farlo” – prosegue CP3 – “Non vogliamo assolutamente mettere nessuno nella condizione di farsi male, dato che in una circostanza del genere il rischio sarà molto alto“.

Non ci troviamo in una situazione facile. Siamo una Lega con 450 giocatori ed è complicato, poiché ci sono ragazzi che non hanno avuto accesso alle strutture di allenamento e sono fermi da molto tempo. Altri, invece, hanno potuto continuare ad allenarsi, o a casa oppure in varie strutture. Ripeto, I giocatori vengono prima di tutto“, aggiunge il giocatore dei Thunder.

La nostra volontà è di tornare a giocare, solo quella” – conclude Paul – “Stiamo cercando di capire come e quando potremo farlo, ma viviamo in una situazione di grande incertezza a causa del Coronavirus. Ho cercato di rispondere alle domande seriamente, nel miglior modo possibile, ma a tante di queste semplicemente non ho la risposta“.

Commenta
(Visited 55 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.