Clippers, Kawhi Leonard: "Ho scelto questa squadra perché amo Los Angeles"

Non solo Paul George. Chiaramente, in occasione del Media Day dei Los Angeles Clippers i riflettori sono puntati anche e soprattutto sull’MVP delle Finals 2019, Kawhi Leonard. The Claw si dice molto soddisfatto della scelta effettuata questa estate in Free Agency: “Al momento, mi sento felice anche solo per poter indossare questa maglia. Ho scelto i Clippers perché amo Los Angeles, amo aiutare questa comunità, la sua gente e quelli con cui sono cresciuto. Voglio anche essere fonte di ispirazione per i più giovani“.

Ho giocato in squadre che hanno vinto e gli ingredienti che ci vogliono per arrivare in fondo sono semplici, vale a dire giocatori con un certo carattere, tanta spirito di sacrificio e determinazione” – prosegue Leonard – “È fondamentale scendere in campo come squadra, essere un gruppo sempre unito e non saltare nessuno step necessario. Inoltre non bisogna mai guardare troppo avanti nel tempo“.

Di recente, Leonard è stato immortalato mentre si allenava con Kobe Bryant, che organizza dei training camp alla presenza di molti dei giocatori NBA più in vista. “Kobe ha svolto davvero un gran lavoro, dato che il camp è stato fantastico, con ottimi trainer e tanti buoni giocatori” – sottolinea l’ex Spurs e Raptors – “Sinceramente non ho preso parte alle partitelle e non ho giocato. Mi sono limitato a parlare un’oretta con Kobe, scambiandoci delle opinioni“.

Non poteva mancare una battuta su Team USA, con la quale Kawhi non ha mai preso parte a nessuna rassegna, Olimpiadi o Mondiali che fossero. In ottica estate 2020, la stella dei Clippers si dice disponibile a prender parte al progetto Tokyo 2020: “Alle Olimpiadi vorrei esserci, è chiaro. Ma, al momento, i Clippers vengono prima di qualsiasi altra cosa. Voglio fare un passo alla volta“.

Commenta
(Visited 147 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.