Cousins non basta, Kings ko. Sprofondo Lakers, vincono Nets e Bulls

TORONTO RAPTORS @ BROOKLYN NETS 109-114 – Trascinati da Lopez (30 punti e 17 rimbalzi) e Deron Williams (31 e 11 assist) i Brooklyn Nets ottengono al Braclays Center contro i Raptors la sesta vittoria consecutiva. Partono forte i padroni di casa, con un primo quarto da 27-34 di parziale, poi annullato dal 27-15 degli ospiti nei secondi 12 minuti di gioco. All’intervallo lungo è 54-49. Ad inizio terzo periodo i Raptors vanno sul +9 (62-53) grazie alle giocate di un DeRozan in buona serata (27 punti), ma ci pensa Deron Williams a ricucire parzialmente lo strappo con una serie di canestri in fila. Il 79-77 con cui si apre l’ultimo quarto lascia ancora tutto aperto. Sale in cattedra Lopez, autore del 102-104 a 2:50 dalla conclusione, cui replica Lou Williams con la tripla del sorpasso. Un’altra conclusione dall’arco, questa volta del williams in bianco, vale il controsorpasso (107-109) con poco più 46 secondi sul cronometro; ma i Raptors sono duri a morire e DeRozan firma il pareggio con un jumper dalla media. Young lotta a rimbalzo e mette i due punti del 109-111, dall’altra parte DeRozan spara sul secondo ferro e, di fatto, consegna la W ai Nets, che la sigillano con una serie di viaggi in lunetta. Finisce 109-114.

Toronto Raptors: Ross 4, A. Johnson 11, Valanciunas 21, DeRozan 27, Vasquez 7, D. Williams 23, J. Johnson e Hansbrough 2, Patterson 12;

Brooklyn Nets: Joe Johnson 13, Young 29, Lopez 30 (17 rimb.), L. Williams 31 (11 ass.), Anderson 6, Plumlee 2, Bogdanovic 3

DETROIT PISTONS @ CHICAGO BULLS 82-88 – E’ Pau Gasol (doppia doppia da 26 punti e 10 rimbalzi) il trascinatore dei Bulls nella vittoria casalinga contro i Detroit Pistons. Nonostante un parziale di 6-13 in apertura il primo quarto si dimostra abbastanza equilibrato (26-25). Non così il secondo, dove a fare notizia oltre ai 12 punti di Butler (su 18 totali) e ai 13 del catalano nel primo tempo, sono gli appena 9 punti (contro 22) segnati dagli ospiti. Rientrati dall’intervallo lungo sul 35-47, i Pistons mostrano ben altro spirito e grazie a Drummond e Reggie Jackson piazzano il 24-12 che gli consente di ricucire lo strappo, con il pareggio a quota 78 firmato da Caldwell-Pope a 2:25 dalla fine dell’ultimo e decisivo quarto. Una magia di Brooks e una gran giocata a rimbalzo offensivo di Gasol, però, consegnano ai Bulls la vittoria stagionale numero 46: 82-88 il finale dallo United Center.

Detroit Pistons: Butler 5, Tolliver e Lucas III 9, Drummond (22 rimb.) e Caldwell-Pope 14, Jackson 22, Anthony 1, Williams e Meeks 2, Prince 4;

Chicago Bulls: Dunleavy 7, Gasol 26 (10 rimb.), Noah 6 (10 ass.), Butler 18, Brooks e Moore 5, Gibson 10, Mirotic 11

NEW ORLEANS PELICANS @ SACRAMENTO KINGS 101-95 – Nonostante la tripla doppia di un super Cousins (24 punti, 20 rimbalzi e 13 assist), i Kings sono costretti ad incassare la sconfitta casalinga ad opera dei Pelicans. Grazie a un 12-2 di parziale gli ospiti si aggiudicano il primo quarto (31-23), replicando anche nel secondo (25-19) nonostante la strenua apposizione di DMC. Si va al riposo lungo sul 56-42. Nel terzo periodo, però, i Kings sono decisamente un’altra cosa e rientrano in partita grazie ad un 16-0 di parziale all’interno del 18-29 complessivo. Grazie ad un paio d evoluzioni sopra il ferro di Davis, i Pelicans si riportano sul +10 (81-71) nei primi minuti del quarto conclusivo, ma a poco meno di un minuto dalla fine il punteggio recita 97-93. E’ Tyreke Evans (tripla doppia sfiorata a quota 19, 12 rimbalzi e 9 assist) a prendesi la responsabilità di mandare a bersaglio il 99-93 che, di fatto, decide la gara. Vincono i Pelicans 101-95.

New Orleans Pelicans: Pondexter 18, Davis 20 (10 rimb.), Asik 4 (11 rimb.), Gordon 21, Evans 19 (12 rimb.), Cole 10, Anderson 9;

Sacramento Kings: Casspi e McLemore 17, Cousins 24 (20 rimb., 13 ass.), McCallum 14, Stauskas 5, Williams 10, Miller 2

PORTLAND TRAIL BLAZERS @ LOS ANGELES LAKERS 107-77 – Non si contano più le sconfitte casalinghe dei Los Angeles Lakers che, allo Staples Center ne prendono 30 dai Blazers. Che non sia serata per i gialloviola lo si capisce da un primo quarto in cui Damian Lillard (20 punti complessivi) manda a bersaglio quattro triple da distanza siderale all’interno di un 26-12 che lascia intuire un finale scontato. Il secondo periodo è un minimo più equilibrato ma gli ospiti non perdono mai il controllo delle operazioni. Un copione che si ripete anche al rientro dall’intervallo lungo, con il solo Jordan Clarkson (top scorer dei suoi a quota 27) a creare qualche problema alle rotazioni difensive dei Blazers. Il 33-14 degli ultimi 12 minuti di gioco, con McCollum in evidenza (27 anche per lui), chiude ogni discorso: 107-77 il finale da LA.

Portland Trail Blazers: Batum 7, Aldridge 14, Lopez 10, Afflalo 17, Lillard 20, Kaman e Frazier 2, McCollum 27, Leonard 0 (11 rimb.), Freeland e Gee 4;

Los Angeles Lakers: Johnson (15 rimb.) e Brown 11, Kelly e Lin 4, Black 10, Clarkson 27, Davis 2, Buycks 8

Commenta
(Visited 18 times, 1 visits today)

About The Author

Claudio Pellecchia Napoletano classe ’87, giornalista sportivo e laureato in Giurisprudenza, ammesso che le due cose possano coesistere. Folgorato sulla via di Federico Buffa, intende divulgare il verbo della palla spicchi perché, come disse qualcuno, “lei non mente mai”. Scrive anche di calcio su Rivista Undici.