Emergenza Coronavirus, Stephen Curry ed altre star NBA nell'iniziativa 'Athletes for Relief'

La pandemia da COVID-19 sta colpendo duramente gli Stati Uniti, diventando in pochi giorni il centro dell’emergenza che sta bloccando praticamente tutto il mondo. Il mondo dello sport made in USA, così, sta mettendo su varie iniziative per aiutare in primis il sistema sanitario, che rischia seriamente il collasso.

David Schwab, vice-presidente esecutivo della famosa agenzia sportiva Octagon, ha creato ‘Athletes for Relief‘, un programma di raccolta fondi che durerà fino al 1° maggio e nel quale varie personalità del mondo dello sport hanno donato cimeli ed oggetti personali, i quali verranno assegnati a vari fortunati in una lotteria che si terrà una volta che l’iniziativa sarà conclusa.

Finora hanno risposto presente ben 115 atleti provenienti da più di 20 sport e 13 nazioni differenti. Per quel che ci riguarda, della NBA partecipano Stephen Curry (Golden State Warriors), Chris Paul (Oklahoma City Thunder), Trae Young (Atlanta Hawks), Devin Booker (Phoenix Suns), Tyler Herro (Miami Heat), Seth Curry (Dallas Mavericks) e Rudy Gay (San Antonio Spurs), senza dimenticare gli Harlem Globetrotters.

Come detto, le personalità famosissime abbondando: da Tony Hawk a Michael Phelps, passando per Simone Biles, Mark Cuban, Dale Earnhardt Jr, Rose Lavelle, Jack Nicklaus e David Ortiz, Rob Gronkowski, Jimmie Johnson, Elena Delle Donne, Paula Radcliffe, Rory McIlroy, Martina Hingis, il team Andretti Autosport, molte stelle NHL e vari giornalisti, di ESPN e non solo.

Come funziona l’iniziativa. Andando sul sito della raccolta fondi (athletesrelief.org), il donatore sceglie una delle star partecipanti ed effettua la sua donazione (somma minima di 25 dollari) nella lista collegata, in modo tale da garantirsi la possibilità di vincere, tramite la lotteria, il premio corrispondente. Ad esempio, scegliendo Curry c’è la possibilità di vincere una sua canotta autografata; scegliendo Hawk, uno skate autografato.

Sin da subito, tantissimi atleti hanno chiesto cosa potevano fare per dare una mano. L’obiettivo della nostra iniziativa è semplice, vale a dire fornire il massimo aiuto possibile per contrastare il COVID-19. Ogni giorno ci svegliamo pensando alle persone malate e a quanto si stia diffondendo di questa malattia. E ‘Athletes for Relief’ aiuterà quelle persone“, spiega Schwab.

Le somme raccolte convergeranno nel Fondo di Risposta contro COVID-19 del CDP (Center for Disaster Philanthropy), per poi venir distribuite a varie associazioni impegnate in questa emergenza. “Di solito, il nostro lavoro si concentra sul recupero e sulla resilienza. Con questo disastro, però, non si può aspettare la fase di recupero” – ha commentato Patty McIlreavy, Presidente e CEO del CDP – “L’emergenza è adesso. Usciamo tutti dalla panchina e scendiamo in campo. C’è bisogno di tutto l’aiuto possibile“.

Commenta
(Visited 15 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.