Bucks, Giannis ritorna in campo dopo il covid-19: "La pausa mi ha comunque aiutato"

Uno dei protagonisti indiscussi dell’ultimo Christmas Day in NBA è stato ovviamente Giannis Antetokounmpo, che con una gran prova da 36 punti, 12 rimbalzi, 5 assist e 2 stoppate ha trascinato i suoi Milwaukee Bucks nella rimonta vincente contro i Boston Celtics, che si sono arresi ai campioni in carica per 117-113 dopo aver chiuso il primo tempo sul +15.

Il greco è tornato in campo per la prima volta dal 13 dicembre dopo cinque partite saltate a causa della sua positività al covid-19: “Dopo che mi hanno detto di essere positivo al virus sono rimasto stupito perchè mi sentivo bene fisicamente” – racconta Giannis – “Ma poco dopo ho iniziato ad accusare dei sintomi. Ho trascorso questi giorni guardando molti filmati ma anche rilassandomi e riposandomi sia fisicamente che mentalmente. Certo, non ero felice di accendere la tv e vedere i miei compagni giocare senza di me, ma in un certo senso credo che questo riposo forzato mi abbia anche aiutato a recuperare un po’ le energie dopo un periodo molto intenso”.

Il due volte mvp ha poi parlato del momento della sua squadra, terza nella Eastern Conference con un record di 22 successi e 13 sconfitte: “L’aspetto su cui dobbiamo lavorare maggiormente è il gioco di squadra e l’alchimia. Non abbiamo giocato quasi mai tutti insieme, per un motivo o per l’altro, fra infortuni, protocolli e nuovi arrivi. Ma siamo comunque una squadra molto forte, se riusciremo adesso a lavorare tutti insieme restando concentrati su noi stessi sono sicuro che il futuro avrà in serbo per noi grandi cose”.

I Bucks, che nella serata di ieri hanno riaccolto fra i propri ranghi anche Donte DiVincenzo e Bobby Portis, torneranno in campo mercoledì contro gli Orlando Magic sempre davanti ai propri tifosi.

Commenta
(Visited 9 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.