La lettera di Westbrook ai Thunder: "Vi sarò eternamente grato"

La trade che ha portato Russell Westbrook a Houston in cambio di Chris Paul e pick è stato l’ultimo grosso colpo di scena di una sessione che verrà ricordata negli anni a venire. Una trade che ha concluso la più che decennale (11 anni per la precisione) esperienza di Westbrook con la franchigia; e il prodotto di UCLA ha voluto salutare non solo i Thunder e i suoi fan, ma tutto uno stato con una lettera d’addio.

Non riesco nemmeno a comunicare a parole tutte le emozioni che sto provando in questo momento” – si legge – “È stato un viaggio incredibile, Oklahoma! Quando sono arrivato qui avevo solo 18 anni, avevo gli occhi che brillavano, non avevo minimamente idea di tutte le cose meravigliose che mi sarebbero accadute a breve. Sono cresciuto e maturato in Oklahoma con delle persone straordinarie, perché sono loro che hanno reso questo posto così speciale“.

“Dai tifosi, ai coach, i miei compagni di squadra, l’intera franchigia dei Thunder, Mr. Bennett, Sam Presti, i miei amici, e tutti coloro che fanno parte di questa comunità. Voi siete quello che ha reso l’Oklahoma un posto così bello e il motivo per cui ho amato giocare qui per tutto questo tempo. Mi avete sempre supportato in tutti i momenti migliori e peggiori della mia carriera, siete sempre stati al mio fianco. Per questo io sono eternamente grato a voi“, prosegue Russell.

Ho incontrato così tante persone speciali che mi hanno reso l’uomo che sono oggi. Spero di aver avuto un impatto sulla comunità dell’Oklahoma pari a quello che l’Oklahoma ha avuto su di me e su tutta la mia famiglia. Lascio in Oklahoma tanti amici e tanta gratitudine. Non potrei mai ringraziarvi abbastanza per essere sempre rimasti con me. È stato un sogno. #WHYNOT“, conclude.

Commenta
(Visited 105 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.