Lakers, Vogel: "Improbabile che Jame e Davis giochino la prima di preseason"

I Los Angeles Lakers, Campioni NBA 2020 dopo la vittoria sui Miami Heat per 4-2 nelle ultime Finals, si apprestano a tornare in campo. Nella notte (italiana) tra venerdì 11 e sabato 12, infatti, ci sarà il loro debutto nella Preseason 2020, opposti ai cugini dei Los Angeles Clippers. I due grandi protagonisti della cavalcata della passata stagione, LeBron James ed Anthony Davis, molto difficilmente ci saranno.

A dirlo, riferendosi alle due star è coach Frank Vogel: “Non abbiamo ancora preso una decisione definitiva, ma è davvero improbabile che scendano in campo“. Il coach 47enne, comunque, è curioso di vedere all’opera due dei nuovi arrivi in particolare, vale a dire Marc Gasol e Montrezl Harrell: “Dal punto di vista del minutaggio, possono certamente interpretare i ruoli avuti lo scorso anno da McGee e da Howard, forse anche meglio“.

Questo, comunque, è un aspetto che andrà sviluppandosi nel corso della stagione. Il nostro intento è quello di creare un mix che permetta a Davis di poter giocare sia da ala che da centro. La nostra capacità di essere intercambiabili nei ruoli è stata decisiva negli scorsi Playoff e per vincere il titolo. Certamente ci lavoreremo molto anche quest’anno“, ha concluso Vogel.

In merito al non voler forzare i tempi, ecco il parere proprio di Anthony Davis: “Voglio soltanto assicurarmi di essere a posto, senza affrettare inutilmente le cose. Abbiamo visto cosa succede nel tornare a giocare senza Preseason, come nel football, con tanti infortuni. Chiaramente non voglio che accada la stessa cosa e mi sto preparando nel modo giusto. Sinceramente, mi sono allenato benissimo, tornando in ritmo sotto qualunque aspetto; ma ripeto, voglio essere intelligente e non forzare“.

Commenta
(Visited 33 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.