Memphis Grizzlies @ Oklahoma City Thunder 94-112: KD e Westbrook 46 punti in 2, OKC facile sui Grizz

Grizzlies @ Thunder 94-112 
(16-25) (36-56) (65-83)
Alla Chesapeake Energy Arena di Oklahoma City i Thunder (24-11) ospitano i Memphis Grizzlies (19-17) privi di Mike Conley in uno scontro tra 2 squadre abituate negli ultimi anni a trovarsi ai vertici della Western Conference.
Nel primo quarto l’attacco di OKC è buono ma non stratosferico, Durant e Westbrook segnano 11 punti combinati, ma Memphis riesce a realizzarne solo 16, complici pessime percentuali al tiro, trovandosi sotto di 9 dopo i primi 12 minuti di gioco.
In uscita dalla panchina, sponda Memphis, prova a cambiare marcia un Mario Chalmers attivissimo nel secondo quarto, ma dall’altro lato cambia marcia anche Russell Westbrook che raggiunge quota 16 per punti realizzati e spinge OKC avanti di 20 all’intervallo lungo.
Nel terzo quarto Memphis perderà dopo pochi minuti anche COurtney Lee per un problema all’anca destra; timidi tentativi di rimonta da parte dei Grizzlies mossi ancora da un ineffabile Mario Chalmers ma stroncati sul nascere da Kevin Durant che segna 13 punti nel terzo quarto e che di fatto mette in ghiaccio la partita.
Oklahoma City inizia l’ultimo quarto avanti di 20 e allora c’è spazio per le seconde linee da una parte e dall’altra, non ci sono problemi nella gestione e OKC vince in scioltezza la gara numero 25 della sua stagione 112-94.

Memphis Grizzlies: Barnes 13, Je. Green 10, Gasol 8, Allen 8, Lee 0, Randolph 12, Chalmers 23, Hollins 7, Ja. Green 9, Carter 4.
Oklahoma City Thunder: Durant 26 (17 rim), Ibaka 7, Adams 6, Roberson 3, Westbrook 20, Collison 2, Kanter 9, Waiters 15, Payne 8, Morrow 14, Singler 2, McGary 0.

Commenta
(Visited 17 times, 1 visits today)

About The Author

Lorenzo Labalme Nato a Napoli il 5/3/95. Studente di lettere moderne alla Federico II. Lo sport è parte essenziale della mia vita: lo pratico, lo seguo e da un po' sto provando anche a raccontarlo. Gioco a basket da semi-pro, a calcio per passione: Ball is life.