I Rockets vincono a Toronto. Bene i Nuggets, Sixers ko a Washington. Booker ne mette 44

Quattro partite nella notte NBA appena trascorsa. Riflettori puntati sulla Scotiabank Arena di Toronto, dove i Raptors campioni in carica ricevevano la visita degli Houston Rockets. A spuntarla, con il punteggio di 119-109, sono stati gli uomini di coach D’Antoni, nonostante una serata ‘tranquilla’ di James Harden (23+7 reb e 5 stl), con Ben McLemore top-scorer (28), la quinta tripla-doppia stagionale di Russell Westbrook (19 (7/27 al tiro)+13 reb e 11 ast) e l’apporto di PJ Tucker (18+11 reb). Non sono sufficienti ai canadesi le prove di Pascal Siakam (24+9 reb), Fred VanVleet (20+6 reb e 5 ast) e Kyle Lowry (19+8 ast e 5 reb).

Si fermano i Philadelphia 76ers, sconfitti 113-119 alla Capital One Arena di Washington dai Wizards. Ospiti davanti nella prima parte del match; poi, a 3’34” dalla pausa lunga, i ragazzi di coach Brooks effettuano il sorpasso (51-52) e, dopo esser andati varie volte sopra la double-digit di vantaggio (massimo +15 a 9’26” dal termine (87-102)), la portano a casa. Sugli scudi il trio composto da Rui Hachimura (27+7 reb), Bradley Beal (26+10 reb) e Davis Bertans (25 in uscita dalla panchina); non bastano ai Sixers Tobias Harris (33+7 reb) e Joel Embiid (26+21 reb).

Tutto facile per i Denver Nuggets. La squadra di coach Malone si mette alle spalle i due ko con Kings e Lakers schiantando a domicilio (129-92) i New York Knicks. Ben otto i giocatori in doppia cifra per Denver al Madison Square Garden, con Will Barton (17) come top-scorer; Mitchell Robinson (17+7 reb) è stato il migliore nei Knicks. Chiudiamo con la partita dello Smoothie King Center di New Orleans, con i Pelicans battuti dopo un overtime (139-132) dai Phoenix Suns. Dopo un primo tempo in equilibrio (74-70), gli ospiti sembrano avere in pugno la sfida (105-85 con 2’12” da giocare nel terzo periodo); ma la squadra di coach Gentry non molla e, con un ottimo quarto finale (18-34), la impatta sul 125-125, portandola all’overtime che, però, vede imporsi i Suns (14-7 il parziale).

MVP di serata un Devin Booker al proprio season-high (44 (13/24 dal campo, 5/11 da tre)+9 ast e 8 reb), supportato dai vari Frank Kaminsky (20+6 reb), Kelly Oubre Jr. (14+15 reb e 4 blk) e Cameron Johnson (18+6 reb). A New Orleans non bastano JJ Redick (26), Jrue Holiday (23+7 reb+6 ast e 5 stl), Brandon Ingram (21+6 reb) e Lonzo Ball (20+11 ast e 6 reb) per evitare la sconfitta #16. Capitolo Nicolò Melli: per l’italiano 3 punti (1/3 al tiro), 2 rubate e un rimbalzo in 16 minuti.

Commenta
(Visited 16 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.