NBA Finals 2021: i Milwaukee Bucks sono campioni! Giannis MVP delle Finals

Per la seconda volta nella loro storia, i Milwaukee Bucks sono Campioni NBA! A 50 anni esatti da quello che era fino a stanotte l’unico trionfo, i ragazzi di coach Budenholzer hanno potuto dare il via ai festeggiamenti, grazie al 98-105 ottenuto in Gara6 al Fiserv Forum, che ha chiuso la serie con i Phoenix Suns sul 4-2.

Una vittoria che porta il sigillo indelebile di Giannis Antetokounmpo che, dopo i due titoli di MVP della regular season consecutivi tra 2019 e 2020, porta a casa il Larry O’Brien Trophy e la nomina di MVP delle Finals, strameritata, al termine di una serie che lo ha visto giganteggiare con 35.2 punti (61.1% dal campo), 13.2 rimbalzi, 5.0 assist, 1.8 stoppate ed 1.2 rubate di media (39.8 il minutaggio).

Quella di stanotte la prestazione for the ages, con 50 punti (16/25 al tiro, 1/3 da tre e 17/19 ai liberi), 14 rimbalzi e 5 stoppate. Primo di sempre con un 30/10/5/1/1 e 60% al tiro in una serie di finale, primo a fare un 50+10 alle Finals dai tempi di Wilt Chamberlain, secondo dopo Shaquille O’Neill con almeno tre partite da 40+10 in una serie di finale, terzo dopo Michael Jordan e Hakeem Olajuwon a vincere MVP, DPOY ed MVP delle Finals.

Nei Bucks risaltano anche le prove di Khris Middleton (17+5 reb+5 ast e 4 stl), Bobby Portis (16 dalla panchina) e di Jrue Holiday (12 (4/19 al tiro)+11 ast+9 reb e 4 stl). Per quanto riguarda i Suns, invece, non bastano Chris Paul (26+5 ast) e Jae Crowder (15+13 reb e 4 stl), in una serata di affanno per Devin Booker (19+5 ast con 8/22 al tiro e 0/7 da tre).

LA PARTITA. Dopo una prima metà di quarto d’apertura nel quale le due squadre faticano a sbloccarsi (7-10 a 5’48” dalla prima sirena), sono i padroni di casa a dare il primo strattone alla partita, piazzando un 2-11 di parziale negli ultimi due minuti scarsi di primo periodo e volando sul +13 al 12′ (16-29). In evidenza Giannis e Portis (rispettivamente 10 e 8 nel periodo).

Nel secondo quarto, però, ecco arrivare veemente la reazione dei Suns. Gli ospiti cominciano a girare bene in attacco, coinvolgendo praticamente tutti (spicca CP3, con 10 punti nel periodo), mentre in difesa mettono in grossa difficoltà gli avversari, che vanno a canestro dal campo in sole 4 occasioni (su 23 tentativi). Phoenix, così, trova il suo primo vantaggio a 4’51” dalla pausa lunga, con due liberi di un Ayton molto presente (35-33), per poi andare negli spogliatoi sul +5 (47-42).

Nel terzo quarto il match prende quota. I Suns vanno subito sul +7 (49-42), ma dall’altra parte c’è un Giannis indemoniato (20 nel periodo), che guida i Bucks al contro-sorpasso (55-58 con 7’30” sul cronometro); Crowder, con un 3+1, rimette avanti i suoi (59-58), ma replica Lopez, con 4 punti in fila (61-64 e 5’46” da giocare). Giannis continua a far male agli avversari, ma un Booker più incisivo (11 nel periodo) permette agli ospiti di chiudere la terza frazione in parità (77-77).

Il quarto conclusivo inizia con un paio di botta e risposta, con Paul (9 nel periodo) che, con un gioco da tre punti, firma quello che sarà l’ultima parità della partita (82-82 e 10’14” rimanenti). Un Portis sempre incisivo dalla panchina e il solito Antetokounmpo (13 nel periodo) fanno allungare Milwaukee sul +6 (84-90 a 7’37” dal termine); gli ospiti provano a reagire, ma i Bucks si portano sul +8, ancora con il greco-nigeriano (92-100 e 2’43” da giocare). L’ultimo sussulto Suns porta al -4 firmato Crowder dalla lunetta (96-100 a 1’14” dalla fine); 4 punti in fila di Middleton, però, riportano il gap ad 8 lunghezze (96-104 e 44.7″ sul cronometro).

Cala il sipario sulla partita, che termina 98-105. E a Milwaukee e in tutto il Wisconsin (e non solo) può partire la festa.

 

NBA FINALS 2021

PHOENIX SUNS @ MILWAUKEE BUCKS 98-105 (2-4)

I MILWAUKEE BUCKS SONO CAMPIONI NBA!

Commenta
(Visited 13 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.