NBA Preseason 2019, i Raptors rovinano l'esordio di Russell Westbrook in Giappone

I Toronto Raptors campioni in carica si sono aggiudicati la prima partita de Japan Global Games, competizione che vale come preseason NBA giocata però nella terra del Sol Levante.

Partita molto divertente e dal punteggio altissimo, con Harden che si fa notare subito con le sue giocate in step back e una tripla allo scadere della prima frazione. Houston cerca la fuga nella seconda frazione sempre con la stella dalla barba lunga, spettacolare in alcuni frangenti della gara con la difesa avversaria che non riesce a tenerlo. Intervallo che vede i Rockets prevalere in doppia cifra di vantaggio sui Raptors.

Secondo tempo in cui Toronto cerca di rientrare in partita e raggiunge il -5 con la bomba di Fred VanVleet. I primi punti di Russell Westbrook con il nuovo team arrivano nel terzo periodo con un bel lay-up in penetrazione. Dopo aver dominato sostanzialmente per tre quarti, i Rockets iniziano a subire l’intraprendenza dei Raptors e una super schiacciata di Terence Davis su Blossomgame riapre definitivamente la gara. La tripla del sorpasso arriva a tre minuti dalla fine con Malcolm Miller che ne piazza un’altra decisiva a 2 minuti dal termine. Finale in gestione per Toronto che riesce a mantenere un buon vantaggio e chiude sul 134-129.

L’MVP della partita è Pascal Siakam con 24 punti e 11 rimbalzi seguito dai 18 punti di Serge Ibaka. Si salva solo Harden nei Rockets con 34 punti, esordio non troppo positivo per Westbrook da 13 punti e 6 assist.

ROCKETS: Harden 34, Gordon 12, Westbrook 13, Capela 12, Tucker, McLemore 10, Rivers 9, Clemons 8, Sefolosha 10, Anderson 8, Blossomgame 4, Hartenstein 6, Clark, Ponds 3.

RAPTORS: VanVleet 16, Siakam 24, Ibaka 18, Anunoby 7, Powell 14, McCaw, Davis 8, Boucher 12, Thomas 8, Hollis-Jefferson 7, Payne 4, Brissett 6, Miller 9, Johnson 1,

Commenta
(Visited 28 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Delpiero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.