Pelicans, Melli si racconta: "All-Star Game e Obama, 24 ore di emozioni"

Nicolò Melli racconta il suo All-Star Weekend. Il rookie dei New Orleans Pelicans ha pubblicato il seguente post con un lungo messaggio su Instagram:

Una magnifica sorpresa: il mio primo All Star game è stato questo. Una sorpresa poterlo giocare: esser convocato all’ultimo momento ha reso ancor più forte l’emozione. Una sorpresa incontrare Obama: ero preparato all’idea di potermi imbattere in qualche leggenda NBA, ma trovarmi a tu per tu con l’ex presidente degli Stati Uniti è stato davvero inaspettato.
All Star game significa anche questo: vedere Obama che ti viene incontro porgendoti la mano. ‘Da dove vieni? Dove giochi? In quale parte d’Italia sei nato?’, mi ha chiesto colui che è stato il leader più potente del mondo. Prima di salutarmi nella mia lingua con un cortesissimo ‘Buongiorno’.
Il buongiorno l’avevo visto fin dalla mattina precedente, giorno della gara con Oklahoma. Viene da me il vicepresidente Griffin e mi dice: ‘Complimenti Nik, sei stato selezionato all’All Star game’. Siccome io e lui scherziamo spesso, non voglio credergli. Quando capisco che è tutto vero, entro in un vortice emotivo pazzesco, un po’ per il brivido della notizia, un po’ perché ci sono da rifare tutti i piani. Non più partire per le Bahamas la mattina dopo, ma prendere il volo per Chicago la sera stessa. È come se la mia vita avesse un’improvvisa accelerazione: in questo caso, piacevole e gradita.
Da lì inizia una rapida sequenza, in perfetto stile NBA: dopo un paio d’ore, so nei dettagli cosa mi aspetta. Sbarco a Chicago alle 2,30 di notte, sveglia presto e dalle 8,30 in poi conferenza stampa, allenamento di gruppo, incontri vari (Isiah Thomas e Steve Nash, fra gli altri), seduta di social e foto, pranzo al volo, trasferimento all’arena e partita, che in questa occasione è meno coinvolgente del contorno. Finito tutto, posso tornare al programma originario e andare alle Bahamas. In valigia metto più cose del previsto: il grande entusiasmo del pubblico, la carica dei ragazzi con cui ho giocato, il clima di festa della giornata. Oltre, ovviamente, a quella stretta di mano che, fino a 24 ore prima, era impensabile“.


Visualizza questo post su Instagram

ALL STAR GAME E OBAMA, 24 ORE DI EMOZIONI Una magnifica sorpresa: il mio primo All Star game è stato questo. Una sorpresa poterlo giocare: esser convocato all’ultimo momento ha reso ancor più forte l’emozione. Una sorpresa incontrare Obama: ero preparato all’idea di potermi imbattere in qualche leggenda Nba, ma trovarmi a tu per tu con l’ex presidente degli Stati Uniti è stato davvero inaspettato. All Star game significa anche questo: vedere Obama che ti viene incontro porgendoti la mano. ‘Da dove vieni? Dove giochi? In quale parte d’Italia sei nato?’, mi ha chiesto colui che è stato il leader più potente del mondo. Prima di salutarmi nella mia lingua con un cortesissimo ‘Buongiorno’. Il buongiorno l’avevo visto fin dalla mattina precedente, giorno della gara con Oklahoma. Viene da me il vicepresidente Griffin e mi dice: ‘Complimenti Nik, sei stato selezionato all’All Star game’. Siccome io e lui scherziamo spesso, non voglio credergli. Quando capisco che è tutto vero, entro in un vortice emotivo pazzesco, un po’ per il brivido della notizia, un po’ perché ci sono da rifare tutti i piani. Non più partire per le Bahamas la mattina dopo, ma prendere il volo per Chicago la sera stessa. E’ come se la mia vita avesse un’improvvisa accelerazione: in questo caso, piacevole e gradita. Da lì inizia una rapida sequenza, in perfetto stile Nba: dopo un paio d’ore, so nei dettagli cosa mi aspetta. Sbarco a Chicago alle 2,30 di notte, sveglia presto e dalle 8,30 in poi conferenza stampa, allenamento di gruppo, incontri vari (Isiah Thomas e Steve Nash, fra gli altri), seduta di social e foto, pranzo al volo, trasferimento all’arena e partita, che in questa occasione è meno coinvolgente del contorno. Finito tutto, posso tornare al programma originario e andare alle Bahamas. In valigia metto più cose del previsto: il grande entusiasmo del pubblico, la carica dei ragazzi con cui ho giocato, il clima di festa della giornata. Oltre, ovviamente, a quella stretta di mano che, fino a 24 ore prima, era impensabile. #ildiariodinik

Un post condiviso da Nicolò Melli (@nikmelli) in data:

Commenta
(Visited 55 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe '96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it, sognando un futuro in cui scrivere di sport sia un lavoro oltre che una passione.