NBA Preseason 2019, Warriors travolti dai Lakers. Ok, tra le altre, anche Blazers, Spurs e Pistons

Si avvia alla conclusione la Preseason NBA 2019, che stanotte ha visto disputarsi altre sette partite. Terzo match e terza vittoria per i Los Angeles Lakers ai danni dei Golden State Warriors. Allo Staples Center, a dir la verità, di partita ce n’è ben poca (93-126), con la squadra di coach Kerr che, priva di Steph Curry, è stata schiacciata dagli avversari sin dal primo quarto. Spiccano negli angeleni LeBron James (18+11 ast), Avery Bradley (18) e l’ex Quinn Cook (16), con un Anthony Davis, in aggiunta, che sfiora la tripla-doppia (8+10 reb e 8 ast). D’Angelo Russell (23) si salva per gli ospiti.

Match interessanti anche al Toyota Center di Houston e alla Vivint Smart Home Arena di Salt Lake City. Nel primo caso, i San Antonio Spurs si aggiudicano il derby texano con i Rockets (128-114), sospinti da LaMarcus Aldridge (22+6 reb) e da Dejounte Murray (20), con prova positiva anche del nostro Marco Belinelli (15 e 6/10 dal campo); nella squadra di coach D’Antoni spicca al solito James Harden (40+10 reb e 7 ast). Nel secondo caso, invece, gli Utah Jazz cedono al cospetto dei Portland Trail Blazers (126-118): comincia a carburare il dynamic duo Lillard-McCollum (53 punti, 8 ast, 7 reb, 19/28 dal campo e 8/11 da tre in coppia); per i Jazz, i migliori sono Donovan Mitchell (27), Mike Conley (20) e Rudy Gobert (13+15 reb).

Alla Chesapeake Energy Arena di Oklahoma City, vittoria esterna (124-119) per i Memphis Grizzlies sui Thunder, indirizzando il match con un gran terzo quarto (46-28). MVP di serata Dillon Brooks (30 e 10/17 dal campo), supportato da Jaren Jackson Jr. (18+10 reb) e da Tyus Jones (16+5 reb); per la squadra di coach Donovan, in evidenza Devon Hall (19), Mike Muscala (17) e Danilo Gallinari (16+10 reb). Successo esterno anche per gli Atlanta Hawks, che battono i New York Knicks al Madison Square Garden (100-96). Trae Young (23+9 ast e 5 reb) guida la truppa di coach Pierce, supportato dall’immarcescibile Vince Carter (17); Julius Randle (20+8 reb) non basta alla franchigia della Grande Mela.

Allo Spectrum Center di Charlotte, gli Hornets finiscono al tappeto (116-110) per mano dei Detroit Pistons. Cinque i giocatori in doppia cifra nella squadra di coach Casey, tra i quali si mettono in luce Langston Galloway (18), Andre Drummond (17+15 reb) e Tim Frazier (15+12 ast); Malik Monk (18+7 ast) è il migliore per i padroni di casa. Chiudiamo con il match del Golden 1 Center di Sacramento tra Kings e Melbourne United, che ha visto la vittoria dei californiani (110-124). Spicca la prestazione di Marvin Bagley III (30+14 reb), coadiuvato da Yogi Ferrell (24+6 ast) e da Harrison Barnes (18+6 reb); nelle fila degli australiani, invece, in evidenza Chris Goulding (25), Melo Trimble (20+6 ast) e Shawn Long (15+15 reb).

Commenta
(Visited 42 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.