TRENTINO CUP - Italia, vittoria a fatica contro l'Austria

ITALIA-AUSTRIA 64-54

Seconda vittoria consecutiva ma anche un passo indietro per l’Italia nella partita contro l’Austria valevole per la Trentino Cup. Senza guardare al punteggio finale (64-54 ndr), infatti, gli azzurri non hanno assolutamente brillato per quanto riguarda la prestazione, facendo dimenticare in breve le buone sensazioni della partita di ieri contro l’Olanda; in particolare, a deludere sono stati i lunghi Cusin e cervi con il ct Pianigiani che, a fine partita, ha ammonito la squadra a mostrare il giusto atteggiamento anche in queste semplici partite d’allenamento.

L’inizio è ancora una volta caratterizzato da una partenza italiana particolarmente lenta, con gli ospiti che a cavallo tra primo e secondo quarto piazzano un 10-0 di parziale che vale il 22-12. Solo una tripla di Polonara e un gioco da tre punti di Hackett permettono agli azzurri di limitare i danni e andare sotto di appena 3 lunghezze (21-24) al primo intervallo. Nel secondo periodo il copione sembra essere lo stesso, con un 4-0 austriaco a caratterizzare i primi minuti: stavolta, però la reazione dei padroni di casa è immediata che, complice una buona difesa e 5 punti in fila di un Hackett ispirato, arriva all’intervallo lungo in vantaggio di 1 (34-33).

Nel secondo tempo il momento positivo prosegue fino al massimo vantaggio (47-37) firmato dalle triple di Polonara e Gentile. Poi, però, qualcosa si inceppa e arriva il controparziale di 9-0 che riporta gli austriaci a contatto a fine terzo quarto. Preludio alla sofferenza degli ultimi dieci minuti di gioco, spezzata dal gioco da tre punti di Gentile che, a 2’45 dalla conclusione, vale il +4 amministrato fino al termine della gara.

Commenta
(Visited 20 times, 1 visits today)

About The Author

Claudio Pellecchia Napoletano classe ’87, giornalista sportivo e laureato in Giurisprudenza, ammesso che le due cose possano coesistere. Folgorato sulla via di Federico Buffa, intende divulgare il verbo della palla spicchi perché, come disse qualcuno, “lei non mente mai”. Scrive anche di calcio su Rivista Undici.