Utah Jazz @ Houston Rockets 99-120: troppi Rockets anche per Utah, ancora una vittoria per i texani

Utah Jazz @ Houston Rockets 99-120

Continua inarrestabile la cavalcata degli Houston Rockets, arrivati ormai alla 24esima vittoria stagionale e alla 14esima consecutiva. Al Toyota Center, ormai vero e proprio forte dei texani, cadono anche gli Utah Jazz, annichiliti al solito dal lavoro straordinario degli uomini in quintetto, tra cui spicca però Eric Gordon, che partendo dalla panchina si è reso protagonista di una gara da 33 punti personali. Dopo un primo quarto in cui finisce immediatamente sotto le luci dei riflettori James Harden con una tripla che manda letteralmente in crisi lo spagnolo Rubio, nel secondo periodo l’uomo in più per i Rockets si chiama Clint Capela, che imposta un vero e proprio dominio sotto canestro da entrambi i lati del campo. Il centro chiuderà la sfida con 20 rimbalzi a referto, mettendo le cose in chiaro già prima dell’intervallo, quando dopo una tripla sbagliata da The Beard corregge per ben due volte la traiettoria portando infine il canestro a casa (34-39). Funziona ancora a meraviglia l’accoppiata dei padroni di casa anche una volta rientrati per il terzo quarto, quando prima Harden trova l’assist per l’alley-oop di Capela e poi decide per la penetrazione in solitaria che riesce a sfondare le coriacee difese di Utah. I Jazz infatti nonostante siano in difficoltà ad arginare lo straripante attacco di Houston in qualche occasione, riescono comunque a restare attaccati nel punteggio e a pochi secondi dalla sirena di fine periodo trovano anche la tripla di Hood che regala addirittura il vantaggio (82-79). Nell’ultimo quarto gli ospiti arrivano addirittura ad un buon distacco di 8 punti da gestire, ma non fanno i conti con Eric Gordon, che sale letteralmente in cattedra per cambiare le sorti del match. Il vincitore del 3-point contest e del sesto uomo dell’anno nella scorsa stagione inizia a scagliare bombe dal perimetro fino a collezionarne 5 consecutive (per un totale di 17 punti nel solo quarto periodo), che abbattono definitivamente i Jazz e la loro difesa. A mettere la ciliegina sulla torta della 14esima vittoria consecutiva è Chris Paul, già in versione assistman per ognuna delle triple segnate da Gordon, e nel finale autore del jump shot che scrive la parola fine sulla sfida di Houston.

Utah Jazz: Ingles 17, Rubio 14, Johnson 12, Udoh 3, Mitchell 6, Hood 26, Sefalosha 7, Jerebko 6, Burks 8.

Houston Rockets: Ariza 14, Harden 26, Capela 24 (20 reb), Paul 18 (10 ast), Anderson 0, Gordon 33, Tucker 4.

Commenta
(Visited 27 times, 1 visits today)

About The Author