Warriors, altro riconoscimento per Stephen Curry: "Onorato di essere tra i 75 migliori giocatori della storia della NBA"

Reduce dalla chiusura in bellezza della Preseason 2021, con i 41 punti (e 9 rimbalzi) rifilati ai Portland Trail Blazers al Chase Center, Stephen Curry può sorridere anche dal punto di vista dei riconoscimenti personali. In occasione del via della 75.esima stagione della NBA, la Lega rilascerà la lista dei 75 migliori giocatori all-time, all’interno della quale, ovviamente, c’è anche il #30 dei Golden State Warriors.

Sono assolutamente onorato di far parte di questa lista” – ha commentato il 33.enne nativo di Akron, Ohio – “L’ego di ognuno di noi ci spingerebbe a pensare ‘Dovrei essere più in alto’; poi, però, è doveroso fare un passo indietro e riflettere sul fatto che si sia tra i migliori 75 di sempre nella storia del Gioco. Un riconoscimento riservato solo al meglio del meglio di questo sport“.

Ripeto, per me è un grandissimo onore, ma non un punto di arrivo. Sono ancora più che motivato nel voler raggiungere altri obiettivi e continuare a dare il meglio di me stesso, sia in campo che fuori. La mia carriera, questo mio viaggio, mi ha portato ad essere inserito in questa lista, senza però togliermi la voglia di puntare ancora in alto. Non voglio accontentarmi, non è certo questa la mia mentalità“, ha aggiunto.

A proposito di obiettivi, Curry comincerà la stagione con Ray Allen nel mirino. Per raggiungere l’hall of famer alla voce ‘triple in carriera’ gliene mancano 142: “Quello sarà un momento davvero importante per me. Provo un enorme rispetto sia per Ray Allen che per Reggie Miller, anche per come mi hanno stimolato in questo aspetto fondamentale del mio gioco. Sono molto motivato e non vedo l’ora di vivere quel momento“.

Commenta
(Visited 15 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.