14423695_10210441710709950_1433578828_o
0

STORIE DELL’ALTROBASKET – Viaggio al centro del playground

Playground è condivisione (di Dario Ferretti, fondatore di Pick-Roll.com) “Eventualmente tu saresti disponibile a scrivermi qualche riga, sulla storia del playground in Italia?” Credevo Claudio fosse pazzo quando mi fece questa richiesta. D’altro canto, a parte qualche tiro strampalato o qualche passaggio sbagliato al campetto sotto casa avrei poco da raccontare. Ma se una cosa mi […]

STORIE DELL’ALTRO BASKET – Game Seven

Le Finals Nba sono una storia. Lunga settant’anni, una stagione, un giorno. Quello di gara 7. Che non sempre arriva, ma quando succede si porta dietro tutto e il suo contrario. Rivalità storiche, rancori personali mai sopiti, speranze, sogni, aspettative e delusioni cullati lungo 82 partite di regular season e almeno una buona quindicina di […]

STORIE DELL’ALTRO BASKET – Kobe

Mi chiamo Kobe Bryant e questa è la mia storia. Ho debuttato in Nba prima ancora di diventare maggiorenne. Passando da un qualunque liceo della Pennsylvania al Fabulous Forum di Inglewood. E questo perché solo Jerry West credeva in me, più degli Hornets che mi avevano scelto con la 13 al Draft. Le parole di […]
ZO
0

STORIE DELL’ALTRO BASKET – Zo

A pensarci bene, un storia, presa per quel che è, non significa granché. Semplicemente è l’evoluzione di una situazione in un percorso che va da un punto A ad un punto B. Perché ciò che rende una storia degna di essere raccontata è l’insieme di tutte le altre storie che la compongono, che si intrecciano […]

STORIE DELL’ALTRO BASKET – The last but not the least

Draft Steal: “situazione in cui un giocatore risulta ampiamente al di sopra delle aspettative che si avevano nei suoi confronti rispetto alla posizione in cui è stato scelto al Draft” Il concetto di draft steal è molto caro al mondo dello sport USA, poiché esso si traduce sempre in lungimiranza e grande prestigio per la […]

STORIE DELL’ALTRO BASKET – La catarsi di Dirk Nowitzki

Estate 2007, outback australiano. Dirk Nowitzki osserva, in silenzio, l’imponente massiccio roccioso che si trova di fronte a lui. Ha bisogno di stare solo. Nessuno, ad eccezione di Holger Geschwindner, sa che è lì. E, del resto, Dirk non ha detto a nessuno che quella mattina la sua intenzione era proprio quella di perdersi, zaino in spalla, nell’immensità […]