DENVER NUGGETS - Altro stop per Gallinari: la situazione

www.pbupassionebasketusa.altervista.org
www.pbupassionebasketusa.altervista.org

Dopo la partita contro i Suns, altra tegola per i Nuggets, che dopo la sconfitta, sono in tensione per la condizione della loro ala piccola Danilo Gallinari, costretto a lasciare il match in Arizona dopo solo 9 minuti di gioco per un dolore al ginocchio.
Una delle cose più difficili da fare per una franchigia è gestire un giocatore al rientro dopo un infortunio serio. E questo è uno di quei casi: Danilo ha visto giocare i suoi compagni di squadra per ben 18 mesi, senza poter mettere piede in campo a causa della rottura del crociato del ginocchio e conseguente operazione. L’indolenzimento riconosciuto ieri notte ovviamente è una diagnosi che può portare a diverse diagnosi, che alla lunga potrebbero rivelarsi più serie del previsto, e quindi i Nuggets vogliono andarci con i piedi di piombo e non commettere passi falsi. Il piano fin dall’inizio era quello di integrare il Gallo lentamente, con un controllo scrupoloso del minutaggio da osservare, così come aveva ribadito coach Shaw ad inizio stagione.
Ovviamente oltre alla questione fisica e al fatto che il ritmo partita (soprattutto quello NBA) è andato perduto, è anche una questione mentale. Ogni giocatore risponde ad un infortunio in maniera diversa, il caso più eclatante è quello di Rose, e soprattutto quando si gioca in una lega particolare come quella americana in cui i ritmi sono altissimi, e si gioca si e no quasi 4 volte a settimana, allora il recupero diventa ancor più complesso. Bisogna davvero essere al top.
I Nuggets dimostrano ancora una volta di tenere a Gallinari, e credono molto nel suo talento. Non possono dimenticare le prestazioni da vero All-Star durante la stagione 2012-2013 prima che il ginocchio facesse crack.
Danilo ha ancora 26 anni e tutta una carriera davanti a sé. C’è molto tempo per recuperare, l’importante è restare in salute per un periodo prolungato e trovare la costanza.
Tutta Denver è col fiato sospeso e spera che l’ultimo spavento rimanga tale, e niente di più serio. Nessuno vuole vedere più Gallinari in giacca e cravatta a seguire le partite da bordo campo.
#nevergiveupGallo

da: Bleacherreport.com

About The Author

Salvatore Malfitano Classe ’94, napoletano, studente di legge e giornalista. Collaboratore per Il Roma dal 2012 e per gianlucadimarzio.com, direttore di nba24.it e tuttobasket.net. Appassionato di calcio quanto di NBA. L'amore per il basket nasce e rimarrà sempre grazie a Paul Pierce. #StocktonToMalone