LOS ANGELES LAKERS-Rajon Rondo è passato di moda?

I playoff sono in pieno svolgimento, ma per alcune franchigie è già tempo di parlare di mercato e draft. Per esempio l’obiettivo primario dell’estate dei Los Angeles Lakers sarà quello di trovare una stella da affiancare a Kobe Bryant nel suo probabile ultimo anno di carriera. I nomi dei free-agent più appetibili che circolano sono molti fra cui Marc Gasol, Lamarcus Aldridge, Kevin Love e infine Rajon Rondo.

Proprio il numero nove dei Dallas Mavericks è stato rincorso durante tutto l’anno e nella scorsa estate, ma non si è arrivata a formulare l’offerta congrua per strapparlo alla corte di Danny Ainge.NBA: Playoffs-Dallas Mavericks at Houston Rockets Adesso però la situazione si è completamente ribaltata: dopo il trasferimento in Texas, il playmaker ex Celtcs ha infatti notevolmente diminuito il suo prezzo di mercato.

Prima di questa travagliata stagione, i Lakers erano convinti di aver individuato il regista per il futuro dei gialloviola, anche una volta finita la carriera di Bryant, ed erano disponibilissimi ad offrirgli un max-contract.

bostonglobe.com
bostonglobe.com

Tuttavia adesso, alla luce delle deludenti prestazioni in maglia Mavericks, sembra che abbiano cambiato idea. L’intenzione è quella di provare comunque a fare un’offerta dignitosa (vista anche la difficoltà di arrivare agli altri top free-agent), ma a cifre molto più basse.

L’idea che si è fatta tutta la lega (non solo i Lakers dunque) è che Rondo sia un pò fuori dagli schemi del basket moderno, che prevedono tanta transizione e triple, situazioni di giochi in cui il buon Rajon non ha mai spiccato.

Le offerte da parte delle squadra interessante certo non mancheranno, dobbiamo solo aspettare di capire se Rondo ha ormai capito di non essere più un All-Star e di firmare un contratto adatto al suo nuovo status.

Commenta
(Visited 33 times, 1 visits today)

About The Author

Cosimo Cherubini Studente di Statistica all'Università degli Studi di Firenze. Grande appassionato di NBA e di tutti gli sport americani. Ho un solo grosso difetto: tifo tutte le franchigie di Cleveland. Non vi sto a dire che considerando football, basket e baseball non vinciamo un titolo nazionale dal 1964.