NBA, il protocollo anti-COVID ferma Middleton, Love e Harris

Il severissimo protocollo anti COVID-19, pensato dalla NBA di concerto con le autorità sanitarie statunitensi, ha avuto assieme al vaccino un effetto indubbiamente importante riguardo il contenimento rigoroso dei casi di contagio nel mondo NBA. E ciò lasciando da parte la diatriba tra favorevoli e contrari alla vaccinazione, con i secondi ridotti comunque ad una percentuale molto piccola.

Ciononostante, però, qualche caso, diretto o indiretto, continua a venir fuori, come nelle ultime ore. Sono tre, e tutti ben conosciuti dal grande pubblico, i giocatori che, a partire da stanotte, saranno costretti a saltare qualche partita: parliamo di Khris Middleton (Milwaukee Bucks), Kevin Love (Cleveland Cavaliers) e Tobias Harris (Philadelphia 76ers).

Middleton, che già aveva saltato per un malanno (non connesso al COVID-19) l’ultima partita (persa) contro gli Utah Jazz, va ad unirsi ai vari Jrue Holiday, Donte DiVincenzo e Brook Lopez, già entrati nelle scorse settimane nell’Health and Safety Protocol della Lega. Gli altri due, con elevata probabilità contagiati anche loro, spingeranno le rispettive squadre a dover fare a meno del loro apporto, importante soprattutto per quel che riguarda Harris, con Philadelphia ancora alle prese con il caso Ben Simmons.

Commenta
(Visited 7 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.